Percorso:

Fonte:  LA NAZIONE

28 giugno 2015

Rubrica: Cultura


I Romani di Alberese


NEL RICCO calendario di eventi e celebrazioni per i quaranta anni del Parco della Maremma spicca la mostra «I Romani di Alberese», allestita al centro-visite. La mostra è stata inaugurata ieri mattina e resterà aperta fino al primo novembre. Fino a martedì 30 dalle 9 alle 16, dal primo luglio al primo novembre dalle 9 alle 20. L’ ingresso è gratuito. «I Romani di Alberese» è promossa e realizzata da Comune di Grosseto, Soprintendenza archeologia della Toscana, Associazione progetto Alberese e Parco della Maremma. Solo pochi anni fa nessuno avrebbe potuto immaginare che l’area di Alberese conservasse testimonianze archeologiche così imponenti. Oggi invece registriamo, da una parte grazie al caso, col ritrovamento dell’iscrizione della Diana Umbronensis, dall’altra grazie allo spirito d’iniziativa della giovane associazione culturale Progetto Alberese, appoggiata dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici della Toscana, un incredibile arricchimento delle nostre conoscenze sull’archeologia della zona. Si tratta di un grande scenografico santuario e un intricato quartiere produttivo-artigianale. Testimonianze di età romana che bene illustrano quanto questo territorio abbia continuato a fiorire e svilupparsi anche dopo «l’epoca d’oro» degli Etruschi. Gli scavi allo Scoglietto sono stati avviati nel 2009 grazie ad un intervento diretto della Soprintendenza dei Beni Archeologici della Toscana e all’ex funzionario Mario Cygielman che, collaborando con gli archeologi dell’Associazione Culturale Progetto Archeologico Alberese, Elena Chirico, Matteo Colombini e Alessandro Sebastiani, ha organizzato una campagna di scavo in grado di metter in luce un’area santuariale dedicata a Diana Umbronensis e attiva dalla fine del III secolo a.C. al IV secolo d.C. Gli scavi si sono susseguiti negli anni fino al 2011 e hanno evidenziato una lunga occupazione dell’antico promontorio di Scoglietto che, con l’avvento dell’era cristiana, vide la distruzione del santuario e un utilizzo a fini abitativi terminato alla metà del VI secolo dopo Cristo. A SPOLVERINO, invece, nell’ultima ansa del fiume Ombrone, è stato messo in luce un complesso quartiere artigianale legato a un probabile porto di cabotaggio e alla vicina via Aurelia Vetus. Gli scavi, iniziati nel 2010, sono dal 2012 diretti dall’Università di Sheffield che, collaborando con gli archeologi dell’associazione culturale Progetto archeologico Alberese e con la John Cabot University at Rome, hanno individuato una serie di atelier produttivi dedicati al riciclaggio e alla produzione di materiali in ferro, piombo, bronzo, osso e vetro, attivi dal I d.C. al VI d.C. Dopo l’edizione 2014, allestita nel Museo archeologico e d’arte della Maremma, la mostra «I Romani di Alberese» approda nella sua sede più naturale: il Parco regionale della Maremma. La nuova edizione è stata resa possibile grazie agli sponsor Unicoop Tirreno e Latte Maremma. La mostra propone circa 200 reperti di ceramica, metallo, vetro, osso e marmo, fra cui la piccola statua di culto di Diana.


 
 

Provincia di Grosseto
Piazza Dante Alighieri, 35 - 58100 Grosseto (GR) - Italy | Telefono (+39) 0564 48 41 11 - Fax (+39) 0564 22 385
Posta elettronica certificata: provincia.grosseto(at)postacert.toscana(punto)it - Sito internet: www.provincia.grosseto.it
Codice fiscale 80000030538